Promozione - Distribuzione

Grossista - Libreria Online
Sconto del 15%!!

Artemisia e i Pittori del Conte

Diventa il primo a recensire il prodotto

Disponibilità: Disponibile

€ 45,00
O

Introduzione Veloce

La collezione di Giangirolamo II Acquaviva d'Aragona

Artemisia e i Pittori del Conte

Rimpicciolisci
Ingrandisci
Titolo Artemisia e i Pittori del Conte
Sottotitolo La collezione di Giangirolamo II Acquaviva d'Aragona
Autore Viviana Farina
ISBN 9788894925128
Editore Areablu
Pagine/durata 384
Spedizione immediata

Dettagli

Volume edito in occasione della mostra "Artemisia e i pittori del conte. La collezione di Giangirolamo II Acquaviva d’Aragona a Conversano" (Conversano, Castello e Chiesa di San Giuseppe, 14 aprile-30 settembre 2018). Mostra promossa da ARMIDA, Servizi per la valorizzazione e fruizione dei Beni culturali. Da un’idea sviluppata da Viviana Farina, a cura di Viviana Farina e Giacomo Lanzilotta con la collaborazione di Nicola Cleopazzo. Testi di Tommaso Borgogelli, Nicola Cleopazzo, Rosaria Colaleo, Roberto Contini, Viviana Farina, Maria Grazia Gargiulo, Loredana Gazzara, Enrico Ghetti, Giacomo Lanzilotta, Roberta Lapucci, Luca Manzo, Brizia Minerva, Marco Vaccaro. Con foto di Davide Le Grazie I saggi introduttivi e le 59 schede di catalogo ripercorrono le vicende collezionistiche di Giangirolamo II Acquaviva d'Aragona, conte di Conversano, in Terra di Bari, feudatario di assoluto spicco politico nella Napoli di re Filippo IV di Spagna e animatore di una prestigiosa raccolta comprensiva di circa 500 oggetti d'arte principalmente riuniti nella corte principesca del castello normanno-svevo di Conversano, oggi sede dell'esposizione, ancora alla morte caduta nel 1665. L'inventario dei beni del 1666, preziosa fonte per i nomi degli artisti e i temi richiesti, guida la possibile riambientazione dello stato originario della collezione. Artemisia Gentileschi, Paolo Finoglio, Guido Reni, Battistello Caracciolo, Massimo Stanzione, Cesare Fracanzano, questi i favoriti del conte, insieme con la pittura del '500 veneto e, possibilmente, con gli altri napoletani di successo tra caravaggismo e barocco: Carlo Sellitto, Jusepe de Ribera, Andrea Vaccaro e altri.