Promozione - Distribuzione

Grossista - Libreria Online
Sconto del 15%!!

I diritti e i doveri dell'uomo, del cittadino e del popolo nel pensiero di Francesco Mario Pagano

Diventa il primo a recensire il prodotto

Disponibilità: Disponibile

€ 11,20
O

Introduzione Veloce

Il volto inedito di un rivoluzionario

I diritti e i doveri dell'uomo, del cittadino e del popolo nel pensiero di Francesco Mario Pagano

Rimpicciolisci
Ingrandisci
Titolo I diritti e i doveri dell'uomo, del cittadino e del popolo nel pensiero di Francesco Mario Pagano
Sottotitolo Il volto inedito di un rivoluzionario
Autore Eugenio Leucci
ISBN 9788872553732
Editore Firenze Atheneum
Pagine/durata 120
Spedizione immediata

Dettagli

L’opera di Francesco Mario Pagano può essere studiata sotto diversi aspetti: quello del criminalista impegnato nella riforma del sistema penale del Regno di Napoli; quello del filosofo della storia che propone una concezione ciclica degli avvenimenti umani; quello del giuspubblicista che propone inediti modelli istituzionali e una propria teoria dei poteri; infine, quello del teorico dei diritti umani che interpreta le libertà e i doveri dell’uomo sotto una prospettiva nuova, ispirata a principi aristotelici. Quest’ultimo aspetto costituisce l’oggetto di questo lavoro, che si articola utilizzando soprattutto quelle che furono le principali opere politiche di Mario Pagano: I Saggi Politici e la Dichiarazione dei dritti, e doveri dell’Uomo, del Cittadino, del Popolo, e de’ suoi Rappresentanti (parte integrante del Progetto di Costituzione della Repubblica Napoletana). Tale studio segue tre direttrici: il confronto con i testi costituzionali francesi del periodo rivoluzionario; il rapporto fra diritti e doveri; il riconoscimento filosofico e giuridico dei diritti economici e sociali. Ne deriva una lettura particolare del pensiero di Pagano, la quale cerca di mettere in evidenza tanto l’originalità della sua opera di costituzionalista quanto le tendenze antindividualistiche ed aristoteliche del suo pensiero; una lettura che tenta altresì di ridimensionare l’immagine del Pagano rivoluzionario “moderato” e “conservatore” per proporne una diversa che metta invece in luce gli aspetti “progressisti” del suo pensiero.