Promozione - Distribuzione

Grossista - Libreria Online
Sconto del 15%!!

Una musica per tutti

Diventa il primo a recensire il prodotto

Disponibilità: Disponibile

€ 18,00
O

Introduzione Veloce

Le esperienze multi-inclusive della Fondazione Scuola di Musica “Carlo e Guglielmo Andreoli” dell’Area Nord di Modena

Una musica per tutti

Rimpicciolisci
Ingrandisci
Titolo Una musica per tutti
Sottotitolo Le esperienze multi-inclusive della Fondazione Scuola di Musica “Carlo e Guglielmo Andreoli” dell’Area Nord di Modena
Autore Renzo Vianello
ISBN 9788884348487
Editore Edizioni Junior
Pagine/durata 176
Spedizione in uscita

Dettagli

La Fondazione Scuola di Musica “Carlo e Guglielmo Andreoli” è operante nei nove Comuni dell’Area Nord della Provincia di Modena (Camposanto, Cavezzo, Concordia, Finale Emilia, Medolla, Mirandola, San Felice, San Possidonio e San Prospero). Una delle sue caratteristiche è la finalizzazione dei corsi individuali alle attività collettive con l’obiettivo dell’inclusione... proprio per tutti. Molte energie sono dedicate, in collaborazione con la Neuropsichiatria dell’infanzia e dell’adolescenza e con le scuole dei Comuni di cui sopra, a lezioni individuali e collettive (con i compagni di classe o nei gruppi musicali) rivolte ad allievi con disabilità. Il volume presenta i risultati di un triennio di formazione volto a un ulteriore salto di qualità, dando testimonianza di un’esperienza condotta con mentalità scientifica. Il primo capitolo illustra le attività della Fondazione e in particolare quelle (fino al 2013) finalizzate a promuovere l’insegnamento della musica ad allievi con disabilità. Il resto del volume è interamente dedicato al progetto “Una Musica per Tutti”, realizzato nell’arco di tre anni scolastici. Esso si è posto due obiettivi cruciali, fra loro complementari: supervisione delle lezioni individuali e attività volte a potenziare il rapporto con la scuola, le famiglie e il territorio. Centrale è stata la costruzione delle storie di vita dei bambini-ragazzi seguiti, dedicando particolare attenzione alla rilevazione dei cambiamenti, e molteplici sono stati gli strumenti utilizzati, alcuni dei quali in modo originale. L’ultimo capitolo descrive, in modo molto dettagliato, l’evoluzione dei casi seguiti, presentando in particolare la valutazione: della Neuropsichiatria dell’infanzia e dell’adolescenza, della scuola, dei genitori per mezzo del Developmental Profile-3, degli insegnanti di musica ‒ utilizzando anche la tecnica del Q-sort per individuare gli obiettivi dell’intervento e il loro evolversi ‒, dei compagni di classe esprimendo le loro scelte, rappresentate in quattro diversi sociogrammi.