Promozione - Distribuzione

Grossista - Libreria Online
Sconto del 15%!!

Sulle tracce di Gesù l’Esseno

Diventa il primo a recensire il prodotto

Disponibilità: Disponibile

€ 17,50
O

Introduzione Veloce

Le fonti storiche buddhiste, islamiche, sanscrite e apocrife

Sulle tracce di Gesù l’Esseno

Rimpicciolisci
Ingrandisci
Titolo Sulle tracce di Gesù l’Esseno
Sottotitolo Le fonti storiche buddhiste, islamiche, sanscrite e apocrife
Autore Fida M. Hassnain
ISBN 9788885385603
Editore Amrita Edizioni
Pagine/durata 250
Spedizione immediata

Dettagli

Il professor Fida M. Hassnain, direttore del Museo delle Antichità dello Stato di Jammu e Kashmir (India), dopo aver scoperto fonti storiche comprovanti il passaggio di Gesù in Ladakh, si è accinto a investigare maggiormente l’argomento; il frutto sorprendente della sua ricerca è contenuto in questo volume, che è già un best-seller. Milioni di persone sono cresciute con l’idea che la missione di Gesù si sia conclusa con la crocifissione per redimere i nostri peccati, ma quest’idea sta diventando insostenibile. Le ricerche di Hassnain descrivono un Gesù venuto a insegnare in tutto il mondo allora conosciuto, e non solo nell’Impero Romano: i manoscritti scoperti da Hassnain provano che Gesù fu cresciuto e protetto dall’ordine degli Esseni e che trascorse gli anni “mancanti” della sua gioventù in Persia e in India. Molti Vangeli tenuti nell’ombra attestano che la Sua Opera fu sostenuta dagli Esseni, e che c’erano ben più di dodici uomini fra i Suoi apostoli; Hassnain cita le fonti secondo le quali Gesù sopravvisse alla crocifissione, con un’operazione segreta che trasse in inganno molta gente, insegnò agli Ebrei di stanza in Persia, Afghanistan, India e Asia Centrale, insieme a Pietro e a Tommaso, e infine fu sepolto in Kashmir (come Mosé e Maria) fra gente di origine ebrea. Tali fonti sono la dimostrazione che la Chiesa, in Occidente, da secoli ha fatto il possibile per cancellare la prova di tutto questo al fine di affermarsi quale unica rappresentante di Cristo sulla Terra. L’Autore, di fede Sufi, tratta l’argomento con il massimo rispetto e con grande rigore storico.