La “cooperazione educativa” per una “pedagogia popolare”

Una storia del MCE

Disponibilità: Disponibile

28,00 €
5% di sconto nel carrello!
Dettagli
Dettagli

Dal dopoguerra ad oggi l’Italia è profondamente cambiata. Non tutta la scuola è stata però all’altezza delle trasformazioni socioculturali; hanno fatto eccezione quella primaria e di base, dove fin dagli anni Cinquanta sono fiorite nuove esperienze e in cui, a partire dagli anni Settanta, c’è stato un progressivo cambiamento sia didattico che organizzativo (tempo pieno, Inserimento dei disabili, valutazione descrittiva degli alunni, pluralità docente, istituti comprensivi e progetto didattico unitario, continuità formativa anche con la scuola dell’infanzia…). Spesso, ad anticipare questi cambiamenti culturali, normativi e istituzionali, è stata l’iniziativa dal basso, rivendicativa e sperimentale, sia di singoli che di gruppi d’insegnanti, a riprova della fattibilità di una diversa e produttiva impostazione scolastica. In quest’opera d’avanguardia un merito centrale va attribuito al movimento della “pedagogia popolare” che, fin dall’inizio, ha introdotto e sperimentato, a partire dalle “tecniche Freinet” e via via della “classe cooperativa”, un modello alternativo alla scuola tradizionale, trasmissiva e selettiva. Questa pubblicazione recupera e ricostruisce dall’interno il percorso grazie al quale, da allora ad oggi, il Movimento di Cooperazione Educativa (MCE) ha diffuso in Italia nuove pratiche didattiche e organizzative. Si tratta di tecniche e relazioni d’impianto innovativo e cooperativo che, a partire dalla scuola primaria, hanno poi coinvolto la scuola media e dell’infanzia ma che, per la loro impostazione, potrebbero essere praticate pure nella scuola secondaria di secondo grado.

Informazioni aggiuntive
Informazioni aggiuntive
Titolo La “cooperazione educativa” per una “pedagogia popolare”
Sottotitolo Una storia del MCE
Autore Rinaldo Rizzi
ISBN 9788884349194
Editore Edizioni Junior
Pagine/durata 345
Spedizione immediata
Recensioni
Scrivi la tua recensione
Stai recensendo: La “cooperazione educativa” per una “pedagogia popolare”