Nuovo

La Noce maga di Benevento estirpata da S. Barbato

//

Disponibilità: Disponibile

14,00 €
5% di sconto nel carrello!
Dettagli
Dettagli

«Sott'a l'acqua, sott' ’o viento, sott’a la noce 'e Beneviento» è una delle varianti dello scongiuro che le streghe avrebbero intonato nel mettersi a cavalcioni della scopa che le avrebbe condotte al sabba, nome che - secondo una ardita etimologia - deriverebbe dal fiume Sabato, nei pressi di Benevento, dove veniva celebrarto intorno a un noce. La storia, a differenza della leggenda, parla della sopravvivenza nella Benevento ducale del VII secolo, di un culto longobardo della vipera (per la precisione dell'anfisbena, serpente a due teste riprodotto anche a mo' di simbolo in alcune vedute della città). Tale culto fu definitivamente sradicato da san Barbato, che si incaricò di abbattere l'albero sotto cui si radunavano i Longobardi ancora pagani, riuscendo a convertirli alla vera fede. La vicenda ispirò al protomedico beneventano Nicola Piperno senior un trattato scientifico (Della superstidiosa Noce di Benevento) e a suo figlio Nocolò il presente dramma La Noce maga di Benevento, pubblicato postumo nel 1682, che venne rappresentato a Benevento (1665) che a Roma (1666).

Informazioni aggiuntive
Informazioni aggiuntive
Titolo La Noce maga di Benevento estirpata da S. Barbato
Sottotitolo //
Autore Nicolò Piperno
ISBN 9788899821159
Editore D'Amico Editore
Pagine/durata 208
Spedizione immediata
Recensioni
Scrivi la tua recensione
Stai recensendo: La Noce maga di Benevento estirpata da S. Barbato